Ofzen And Computing è supportato dai lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione senza alcun costo per te. Come affiliato Amazon guadagno dagli acquisti idonei.

Come funziona la concentrazione 5E? [Mantieni i tuoi incantesimi in DnD]

Come funziona la concentrazione 5E
  Scritto da: Ashish Arya
Aggiornato il: 09/11/2023
Est. Lettura: 7 minuti

Se ti sei mai trovato nel mezzo di un'emozionante avventura di Dungeons and Dragons (D&D), allora sai quanto può essere cruciale la strategia.

Decidere quando e dove applicare i tuoi incantesimi può fare la differenza tra un trionfo eroico o una tragica sconfitta.

Il sistema di mantenimento di questi incantesimi, in particolare quelli che contengono effetti continui, è più comunemente noto come “concentrazione”. Quindi, come funziona la concentrazione 5e in D&D?

Spesso, i nuovi giocatori cadono vittime di supposizioni sul lancio degli incantesimi senza comprendere appieno come funziona all'interno dei meccanismi del gioco; ecco perché siamo qui oggi.

Prima di lanciarci in battaglia lanciando incantesimi a destra e a manca, comprendiamo bene questa parte integrante delle dinamiche di lancio degli incantesimi in D&D 5e, meglio conosciuta come "concentrazione".

Capire a fondo come funziona aggiungerà senza dubbio più profondità alla tua esperienza di gioco e ti farà brillare nel tuo viaggio nel gioco di ruolo. Andiamo ai dettagli di tutto.

Cos'è la Concentrazione 5E in D&D?

Nel regno di Dungeons & Dragons, la concentrazione non è semplicemente uno stato mentale, ma una meccanica di gioco significativa che ruota principalmente attorno agli incantatori.

In termini semplici, la concentrazione determina la durata di alcuni incantesimi che richiedono uno sforzo mirato, uno sforzo come mantenere un firewall, controllare una creatura evocata o mantenere attivo un incantesimo.

Non tutti gli incantesimi richiedono concentrazione, ma quelli che lo richiedono sono spesso piuttosto potenti. Gli esempi includono incantesimi popolari e potenti come "Scudo della fede", "Fretta" e "Invisibilità". Il giocatore deve concentrarsi per mantenere attivi tali incantesimi, altrimenti la magia si disperde prematuramente.

È importante notare che l'abilità "Concentrazione" della versione D&D 3.5 non esiste più nella 5a edizione.

Sia che tu stia lanciando un incantesimo che manipola il tempo o trattenendo nemici mortali usando la pura forza di volontà, ognuno richiede una prova di concentrazione unica per essere mantenuto.

Come funziona la concentrazione nella 5E in D&D?

La concentrazione in D&D 5E si riferisce alla capacità di un personaggio di mantenere determinati incantesimi per la loro intera durata. Quando lanci un incantesimo che richiede concentrazione, la tua attenzione deve rimanere su quell'incantesimo finché il suo effetto non termina oppure decidi di farla finita.

Come funziona la concentrazione nella 5E in D&D?

Immagina di dirigere la tua energia e attenzione verso il mantenimento dell'incantesimo attivo. Abbastanza bello, vero?

Vari fattori possono interrompere la tua concentrazione, come subire danni, morire o essere inabile. Ed ecco il problema: se la tua concentrazione si interrompe, bam! L'incantesimo termina immediatamente.

È anche importante notare che puoi concentrarti solo su un incantesimo alla volta. Quindi, se sei già “concentrato” e lanci un altro incantesimo di concentrazione, dovrai scegliere quale mantenere.

Quali cose dovresti sapere prima?

Quali cose dovresti sapere prima?

Quando ti immergi più a fondo nel mondo di D&D 5e e inizi a dilettarti con gli incantesimi, diventa subito evidente quanto sia essenziale la concentrazione.

Forse ti starai chiedendo perché. È perché la concentrazione e i suoi meccanismi hanno un impatto significativo sul tuo gameplay, specialmente quando mantieni incantesimi di lunga durata o ti difendi dagli assalti magici degli altri.

Quindi ecco alcuni fatti essenziali da ricordare sulla Concentrazione 5e.

Leggi anche: Come calcolare il bonus di competenza 5E? [Migliora le tue prestazioni]

Controlli di concentrazione per il mantenimento degli incantesimi

Lo scopo principale di una prova di concentrazione in D&D è mantenere gli incantesimi lanciati che richiedono concentrazione continua.

Questa "prova" o tiro salvezza determina essenzialmente se puoi mantenere il potere dell'incantesimo in circostanze turbolente, come subire danni.

Ogni volta che si verifica una tale interruzione, dovrai effettuare una prova di concentrazione per vedere se il tuo incantesimo persiste o svanisce.

Rotto dal danno, dalla morte, dall'incapacità

In D&D 5e, ci sono diverse situazioni in cui la tua concentrazione può vacillare: subire danni è probabilmente la causa più comune.

Ma non sono solo piccoli graffi che possono disturbare la tua concentrazione; Anche lesioni gravi o colpi potenzialmente mortali possono interrompere la concentrazione. Un altro caso estremo sarebbe la morte per incoscienza (o peggio ancora).

Entrambe le estremità dello spettro possono interrompere bruscamente qualsiasi effetto magicamente sostenuto.

CD: 10 o metà del danno

Esiste un sistema di checkpoint magico in D&D chiamato Classe di difficoltà (DC), che determina quanto è difficile per i giocatori eseguire azioni specifiche con successo, come mantenere un incantesimo sotto costrizione (grazie a danni o altri fattori di disturbo).

La CD diventa cruciale nel determinare se il tuo personaggio salva con successo la concentrazione dopo aver subito danni. La regola è semplice: se il danno subito è inferiore a 20 punti, la tua CD è pari a 10.

Qualsiasi colpo superiore a 20 aumenta la difficoltà su una scala mobile: è la metà del danno inflitto.

Calcolare: 1d20 + Tiro Salvezza Contro

Effettuare un tiro salvezza sulla concentrazione è leggermente diverso dai soliti tiri salvezza. Ecco come funziona.

Quando il tuo personaggio deve effettuare una prova di Concentrazione, devi tirare un d20 e poi aggiungere il tuo modificatore del tiro salvezza su Costituzione al risultato.

Può sembrare semplice, ma ricorda che ciò accade in condizioni intense: nel bel mezzo di una battaglia con un nemico, nel mezzo di una catastrofe ambientale o mentre si respingono altre implacabili distrazioni.

Batti DC per mantenere la concentrazione

Infine, una volta lanciato il dado e calcolato il punteggio del controllo di Concentrazione (utilizzando il metodo sopra), devi superare un ulteriore ostacolo: superare la Classe di Difficoltà precedentemente impostata.

Che si tratti di CD 10 o della metà del danno subito, se il punteggio della prova di Concentrazione è maggiore o uguale alla CD, l'incantesimo rimane intatto e continua a mantenere il suo potere.

Come funziona Concentrazione 5E in D&D?

Per capire cosa fa girare l'universo di Dungeons and Dragons (D&D), dobbiamo prima comprendere le basi della meccanica degli incantesimi, in particolare la concentrazione.

Come funziona Concentrazione 5E in D&D?

Come funziona la concentrazione in D&D 5e? Cosa cambia quando lanci un incantesimo che richiede concentrazione? Immergiamoci in queste domande intriganti e decodifichiamo la misteriosa arte del lancio di incantesimi e del mantenimento della concentrazione di D&D.

I personaggi devono concentrarsi sugli incantesimi di concentrazione per mantenerli attivi

Gli incantesimi di concentrazione sono al centro della scena grazie alla loro meccanica unica nel modellare le azioni di un personaggio all'interno del gioco. Come regola generale, questi incantesimi richiedono la totale attenzione del personaggio per mantenere la loro efficacia.

Un concetto essenziale qui è che tutti i tuoi incantesimi attivi richiedono concentrazione; se perdi la concentrazione per qualche motivo, che sia a causa di un danno, lanciando un altro incantesimo di concentrazione o anche scegliendo di interrompere la concentrazione, l'incantesimo originale termina effettivamente.

Considera l'incantesimo "Polimorfo" come un esempio di uno dei tanti incantesimi dipendenti dalla concentrazione all'interno di D&D 5e. Quando lanci Polymorph su un bersaglio, questo si trasforma in una creatura a tua scelta per un massimo di un'ora.

È necessario mantenere la concentrazione ininterrotta su questa trasformazione affinché duri. Se perdi la concentrazione prima del limite dei 60 minuti, forse un orco ti lancia un'ascia, l'effetto di Polymorph scompare e il bersaglio ritorna alla sua forma originale.

Una cosa fondamentale da ricordare è che lanciare più incantesimi di concentrazione simultanei è un'area vietata in D&D 5e. Secondo le regole del gioco, se decidi di lanciare un altro incantesimo che richiede concentrazione mentre ne mantieni già uno, non c'è soluzione alternativa: il tuo primo incantesimo terminerà immediatamente non appena inizierai a lanciare il secondo.

Comprendere come ogni elemento di questo puzzle si incastra renderà la navigazione in quelle terre mistiche molto più agevole per il tuo personaggio.

Immagina di trovarti davanti a un drago epico e di tornare immediatamente a metà carica perché sei stato distrutto e hai perso la concentrazione. Non è il momento più eroico adesso.

La concentrazione è al centro di un efficace lancio di incantesimi in D&D 5e. La padronanza delle tue abilità magiche va di pari passo con l'acquisizione del controllo sulla tua concentrazione. È la salsa segreta che bilancia l'elemento sfumato della magia attorno alla tavola.

Leggi anche: Come funziona la resistenza in D&D 5E? [Comprendere la riduzione dei danni]

Comprendere il ruolo della concentrazione negli incantesimi multi-azione

In D&D 5e, non tutti gli incantesimi sono istantanei. Alcuni richiedono più di una singola azione per essere lanciati; questi incantesimi richiedono la tua concentrazione per portare a termine con successo.

Se trovi descrizioni di incantesimi che dicono che hanno bisogno di un minuto, 10 minuti o anche un'ora per essere lanciati, renditi conto che queste durate implicano concentrazione.

Rileva magia, un incantesimo rituale piuttosto comune. In genere sono necessari circa 10 minuti per completare il casting di questo. Durante questi 10 minuti, dovrai mantenere la concentrazione ininterrotta sul lancio dell'incantesimo, noto come mantenere alta la "concentrazione".

Se stai utilizzando l'azione "Pronto", che ti consente di preparare una risposta a specifici attivatori, devi anche concentrarti in modo che l'incantesimo desiderato si attivi con successo quando si verifica l'attivatore.

Se qualcosa disturba la tua concentrazione durante il tempo di lancio, come gli attacchi dei mostri, potresti perdere la concentrazione e probabilmente il risultato è un incantesimo fallito.

L'impatto di subire danni e morire sulla concentrazione

Nell'emozionante mondo di D&D 5e, la concentrazione del tuo personaggio gioca un ruolo fondamentale, in particolare quando lancia gli incantesimi. Questa concentrazione può essere interrotta a causa di vari scenari, portando a potenziali conseguenze rivoluzionarie.

Subire danni è il modo più comune in cui il tuo personaggio potrebbe perdere la concentrazione. Se sei impegnato in un combattimento e un avversario mette a segno un colpo, dovrai effettuare un tiro salvezza sulla concentrazione per mantenere la concentrazione.

Non è un compito facile poiché la difficoltà è determinata da dieci o dalla metà del danno che hai subito, qualunque sia il numero più alto.

Essere storditi o gravemente esausti può anche interrompere i tuoi sforzi magici. Se il tuo livello di esaurimento arriva a tre, sei in svantaggio quando si tratta di tenere il passo con gli effetti continui dei tuoi incantesimi.

In circostanze più terribili, quando il tuo personaggio perde i sensi o muore, tutti gli incantesimi attivi che richiedono concentrazione terminano automaticamente.

Alcuni incantesimi lanciati dai nemici possono rappresentare un'altra minaccia per la tua concentrazione. Ad esempio, l'incantesimo Terremoto fa sì che gli incantatori perdano la concentrazione.

Una meccanica degna di nota nel gioco coinvolge l'impresa Mage Slayer. Se un nemico che possiede questo talento ti colpisce, ti costringe a un tiro salvezza sulla concentrazione con uno svantaggio intrinseco.

Leggi anche: Come calcolare i punti ferita 5E in D&D? [Comprendi la tua salute]

Domande frequenti su "Come funziona la concentrazione 5e in D&D?"

Cosa succede quando un incantatore perde la concentrazione in D&D 5e?

Quando un incantatore perde la concentrazione, il suo incantesimo attivo con effetti continui termina immediatamente.

Un personaggio può mantenere più incantesimi che richiedono concentrazione contemporaneamente in D&D 5e?

No, un personaggio può concentrarsi solo su un incantesimo di concentrazione alla volta.

Perché alcuni incantesimi richiedono concentrazione in D&D 5e?

La concentrazione aiuta a bilanciare gli incantesimi potenti limitando il numero di effetti continui causati da un singolo lanciatore e rendendo più difficile il mantenimento di questi effetti.

Qual è la funzione di un tiro salvezza sulla concentrazione in D&D 5e?

Un tiro salvezza sulla concentrazione determina se il tuo personaggio può mantenere la concentrazione e mantenere attivo un incantesimo dopo aver subito danni.

Come posso aumentare le mie possibilità di mantenere la concentrazione sugli incantesimi in D&D 5e?

Aumentare il tiro salvezza su Costituzione, usare talenti come Incantatore di Guerra o Resiliente (Costituzione) o chiedere agli alleati di usare abilità per proteggerti dai danni può aumentare le tue possibilità di mantenere la concentrazione.

Autore

  • Ashish Arya

    Sono un appassionato di tecnologia e un giocatore per tutta la vita, originario della bellissima città di Chandigarh. Le mie passioni spaziano dall'immergermi in mondi come GTA V, COD, SIMS, Roblox e Minecraft all'esplorazione delle ultime innovazioni in fatto di laptop e tecnologia. Armato di una laurea in applicazioni informatiche, adoro condividere le mie intuizioni scrivendo e interagendo con altri appassionati. Unisciti a me nel mio viaggio attraverso i regni in continua evoluzione del gioco e della tecnologia!